07/08/2013

Il peggio del peggio #3: lo schifo degli anni ’60

L’ho sentito dire centinaia di volte: “i successi musicali degli anni ’60 sono tali da dimenticare i peggiori fallimenti”. Dimenticare però è sempre un errore, perché ci furono anche i disastri. Per vederli distintamente, basta un breve percorso interiore. Il primo passo consiste nel riconoscere che le vendite non necessariamente simboleggiano la qualità di una canzone. Il secondo è accettare che gruppi fantastici possano aver fatto un pezzo che ti asciuga la voglia di vivere.
Chi mi conosce e chi mi legge crede che io sia un vecchio bastardo nostalgico che mai e poi mai toccherebbe delle canzoni di un’epoca così ricca ed ispirante quanto gli anni sessanta. In parte avete ragione, in parte sottovalutate il talebano estremista che è in me. Saprò dunque raggiungere lo stato di quiete e il distacco necessari per scrivere senza lasciarmi trasportare? Naturalmente no.
Giacché mai nulla di male si dice su questo periodo, ho creduto corretto colmare questa vorticosa lacuna. Quando ci si sofferma a pensare alla musica del secolo scorso, l’immagine degli anni ’60 è la proiezione stessa dei grandi artisti che di quel tempo sono figli. Errore. Gigantesco, sconsiderato errore.
Si tratta di un periodo di sperimentazione in tutti i campi, il nuovo era il motore di quel decennio. Tuttavia, quando si sperimenta, capita a volte che i risultati facciano davvero cagare. Credere dunque che esista un periodo musicalmente senza macchie è ingenuo almeno quanto essere convinti che Babbo Natale guidi un furgone della Coca Cola trainato da mille renne a forma di lattina.

10. Kenny Rogers – Ruby, Don’t Take Your Love to Town (1969)

kenny rogers & the first edition - ruby, don't take your love to town 1969 front

Iniziamo subito uccidendo l’Elvis Presley del country. Il testo di questo pezzo parla di un uomo che ritorna dal Vietnam menomato e che, a causa della sua particolare condizione fisica, viene lasciato dalla sua donna, tale Ruby. Ora, in quale modo un contenuto del genere si sposa con una ballad country/pop? In nessuno. Io non odio Kenny Rogers, semplicemente lo trovo un cantautore appena mediocre se paragonato a Jimmy Martin, Willie Nelson, Don Gibson, Buck Owens e molti altri dello stesso genere nel medesimo periodo.

9. Jimmy Cross – I Want My Baby Back (1965)

jimmygrossiwantmybabyback

Ovvero quando la sperimentazione riesce male. Basterebbe ascoltarla brevemente per capirlo altrettanto in fretta. Detto questo, lascio che gli incoscienti intenzionati ad arrivare al primo minuto d’ascolto sappiano a cosa vanno incontro. Si tratta di un pezzo recitato, o di una recitazione musicata a dipendenza di quale malato, perverso, distorto punto di vista si usi per guardare l’intera faccenda. La scala diatonica possiede solo sette note, se alcune combinazioni non hanno mai preso piede è semplicemente perché nessun orecchio le sopporta. Il mio meno di altri.

8. Bobby Goldsboro – Honey (1968)

Bobby-Goldsboro-Honey

Questa è davvero la più melensa, melmosa merda romantica sull’amore perduto. Come sempre non è il tema che conta, ma come lo si affronta. Questo pezzo ha un maggiore effetto sui ritmi sonno-veglia del più potente anestetico. Vorrei potermi accanire maggiormente, ma ho troppo sonno.

7. Ohio Express – Yummy Yummy Yummy (1968)

yummy

Canzone conosciuta e gettonata sia tra gli appassionati della musica pop brillantata di quell’epoca, sia tra la tribù dei “si stava meglio quando si stava peggio”. Bubblegum pop music è il genere a cui questo pezzo appartiene, si tratta di musica fatta apposta per impressionare le masse incontrollabili di adolescenti. Io ho 33 anni e rimango ancora impressionato quando ascolto questo pezzo. Mi impressiona come si possa cadere così in basso.

6. The Crystals – He Hit Me (And It Felt Like A Kiss) (1962)

the-crystals-he-hit-me-and-it-felt-like-a-kiss-philles-records

Un altro concorrente per il premio “temi che dovrebbero essere trattati diversamente”. La canzone affronta il problema della violenza domestica da un punto di vista nuovo, quello del masochismo. Del resto, cosa c’è di meglio al mondo che essere riempita di cazzotti dal vostro partner? Alla sua uscita il pezzo non venne quasi mai trasmesso in radio e molti protestarono per la natura controversa del tema. Io protesto semplicemente perché musicalmente fa schifo.

5. The Archies – Sugar Sugar (1969)

archie

Primo: i The Archies sono un gruppo fittizio, fatto di personaggi inventati per un cartone animato che andava in onda negli Stati Uniti ogni domenica mattina. Quindi il loro contributo alla musica è pari a quello di Cristina D’Avena che canta la sigla di Kiss Me Licia. Secondo: il pezzo è talmente privo di significato che i testi di Cristina D’Avena sembrano scritti da Leonard Cohen se paragonati a Sugar Sugar.

4. The Beatles – Ob-La-Di, Ob-La-Da (1968)

obladioblada

Per la serie “ecco perché preferisco Revolver al White Album”. So che farò incazzare tutti i beatlesmaniaci che mi leggono, il che in parte mi rallegra e in parte mi diverte. Certamente quattro ragazzi così produttivi e influenti come i Beatles, una cagata dovevano pur farla. Eccola qui. Impacchettata con citazioni fintamente eccezionali, come quella su Desmond Dekker, questa canzone è insopportabile. È roba vecchia anche per Buddy Holly, figuriamoci per i Beatles che nello stesso album avevano materiale come Yer Blues o Helter Skelter. Riesco a perdonare Paul McCartney solo augurandomi che fosse in un paradiso lisergico lontano dall’umana dimensione cosmica quando ha registrato questa schifezza.

3. Napoleon XIV – They’re Coming to Take Me Away, Ha-Haaa! (1966)

napoleonxivpurple

Chiariamo subito: detesto i finti alternativi che, solo perché un singolo ha avuto poco successo, mi fanno sentire le loro grandi scoperte. In questo pezzo non c’è niente di grande, a parte la noia. Succede sempre con i pezzi strani, se sono poco ascoltati o se vengono riscoperti a decenni dalla loro pubblicazione entrano magicamente a far parte del culto dei ricercatori. Ciò che duole, a parte i testicoli, è che non vi è alcuna ricerca da fare. È semplice: il pezzo è uno schifo.

2. Larry Verne – Mr. Custer (1960)

larry-verne-mr-custer-london

Questa canzone è una devota preghiera nei confronti del Generale Custer, in cui lo si implora di non attaccare gli “indiani selvaggi” (cito dal testo). Non so se mi infastidiscono di più i finti cori indiani all’inizio del pezzo o il tono da cowboy fieri del coro. Mi permetto di citare Tarantino e sostengo con tutto me stesso che questa canzone è utile quanto un buco del culo sul gomito.

1. Susan Christie – I Love Onions (1966)

susan-christie-i-love-onions-columbia-3

Susan Christie merita questo posto. Cantante relativamente poco conosciuta in Europa, il suo singolo di maggiore successo è un’ode alle cipolle. La parte peggiore è il (palesemente) finto ambiente anni ’30 di questa canzone, con la Christie che intona sorridente e con un fil di voce questa sbobba cacofonica e potenzialmente radioattiva. Quando la ascolto, immagini di torture sanguinarie e di pura gloria sadica invadono la mia mente, riscaldandomi l’anima. Se dovessi mai stilare una top five dei peggiori pezzi di sempre, questa traccia occuperebbe una posizione importante.

Submit to reddit